Quantcast
L'Impronta
Newsletter
Articolotre TV
Contattaci per la tua pubblicità su articolotre.com

recenti

Contattaci per la tua pubblicità su articolotre.com
Versione mobile di ArticoloTre
Iscriviti gratuitamente alla newsletter di ArticoloTre
L'Impronta

L’Arcivescovo Wilfrid Fox Napier: “La pedofilia non è un crimine, è una malattia”
2

Stampa Stampa

Arcivescovo di Durban, Wilfrid Fox Napier-Andrea Cosco- 17 marzo 2013- Non sono bastati tutti gli scandali, prima dell'elezione del Papa, adesso anche dopo che la chiesa ha ritrovato una nuova guida ,c'è qualcuno che nonostante le polemiche, gli allontanamenti, le accuse che hanno fatto il giro del mondo, continua con un pensiero che sicuramente porta nuove nubi sul cattolicesimo, rendendo ancora più difficile il percorso del neo eletto Pontefice.

Nel caso specifico è l'Arcivescovo di Durban, Wilfrid Fox Napier, il quale ha difeso i pedofili che hanno subito abusi da bambini e che secondo lui non sono penalmente responsabili dei loro atti come qualcuno che invece "Sceglie di fare cose del genere".

Il Sud Africano, tra i 115 cardinali che hanno eletto Papa Francesco questa settimana, ha definito la pedofilia un "disturbo psicologico" e come riportato dal The Sun pochi giorni dopo la fumata bianca, ha detto: "Come si trattano i disturbi? Si cercano e si correggono. Se come essere umano scelgo di infrangere volontariamente la legge, allora penso di dover essere punito. Dal mio punto di vista, la pedofilia in realtà è una malattia non una condizione criminale, è una malattia".

Successivamente ha raccontato, ai microfoni della BBC Radio 5 Live, di conoscere almeno due dei preti che sono diventati pedofili proprio dopo un'infanzia travagliata, fatta di sopprusi e violenze.

"Non mi dite che queste persone sono responsabili come chi sceglie di fare una cosa simile. Non credo si possa davvero prendere una posizione e giudicare, dire che quella persona merita di essere punita quando hanno già danneggiato se stessi". Commenti che lasciano interdetti, parole che infiammano l'opinione pubblica e non, ad appena tre giorni dall'elezione di Papa Francesco.

Barbara Dorris che lavora per il gruppo Survivors Network a favore delle vittime di violenze da parte dei sacerdoti e che a sua volta è stata oggetto di abusi ,da bambina, da parte di un prete ha replicato immediatamente tramite la BBC: "Questa può anche essere una malattia, va bene, ma è anche un reato ed i reati vanno puniti. I criminali sono ritenuti responsabili per quello che hanno fatto e per quello che fanno. I vescovi ed i cardinali hanno fatto di tutto per coprire questi crimini per consentire a questi "predatori" di continuare, di non essere arrestati e di mantenere il segreto all'interno della chiesa".

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK DI ARTICOLOTRE.COM !!


Share Button
#Arcivescovo di Durban #articolotre #pedofiilia no crimine #pedofilia malattia #preti pedofili #Wilfrid Fox Napier
Attualità Notizie principali


Commenti su Facebook

2 Commenti per “L’Arcivescovo Wilfrid Fox Napier: “La pedofilia non è un crimine, è una malattia””

  1. CARMELO

    D’ACCORDO , E’ UNA MALATTIA ! CURATELI DUNQUE ! CASTRATELI !

  2. lilipi48

    Quando l’attività sessuale non si svolge tra adulti consapevoli e consenzienti, è una violenza e va combattuta, sia che si tratti di violenza carnale che di pedofilia, e i responsabili vanno puniti, senza trovar loro nessuna giustifizazione

Scrivi una replica

Dichiaro di aver letto ed approvato l'informativa sulla privacy.

N.B. I commenti volgari o che contengano insulti verranno automaticamente cestinati ed inseriti nello spam

Iscriviti gratuitamente alla Newsletter di ArticoloTre.com
Echos Edizioni
DAI Impresa
Territori
Incontemporaneità
Echos Edizioni
Scuola
DAI Impresa
La chiameremo Anna...
Territori
Incontemporaneità
La chiameremo Anna...
Scuola
Articolotre TV
L'Impronta
Lucca Comics & Games

Seguici su Google+

ArticoloTre TV

Di che cosa abbiamo parlato


Copyright © A3 Editrice srl - P.Iva 10847000014 - All Rights Reserved - Developed by Step srl - Rel 1.88 - Accedi
Le immagini e i video utilizzati o a cui si fa riferimento in questo sito sono e rimangono dei rispettivi autori ed editori.