Clicky

Banchi scolastici e problemi alla postura. Intervista a Raul Guelfi

Banchi scolastici e problemi alla postura. Intervista a Raul Guelfi

Banchi scolastici e problemi alla postura. Intervista al dr. Raul GuelfiLuca V. Calcagno – Raul Guelfi, osteopata è un esperto di posturometria, studiata all'Università degli Studi di Siena, alla Facoltà di Medicina e Chirurgia e presso la Facoltà di Fisiologia all'Università di Pisa. È stato osteopata di vari atleti (in particolare tennisti come Ivan Ljubicic, Martina Navratilova e le nazionale italiana maschile e femminile). Ha condotto una ricerca sugli arredi scolastici e il loro rapporto con la crescita dal titolo Ergonomia nelle scuole, pubblicato da Edizioni Nuova Cultura per la collana Ergnonomia e sistemi, in collaborazione con l'Università La Sapienza di Roma e Age onlus (Associazione Italiana Genitori). Membro della commissione UNI di Antropometria e Biomeccanica, ha tenuto lezione di Ergonomia presso l'Università di Siena, nel master di Architettura dell'Università di Firenze e numerosi convegni.

 

Da dove nasce l'intenzione di compiere questa ricerca?

Nel 2006 raccontai durante un colloquio con il prof. Brunelli la mia rabbia nel vedere ragazzi sempre più giovani che si recavano nel mio studio afflitti da mal di schiena. Nella sua mente è subito nata una proposta: fare una ricerca in merito.

Ho iniziato consultando statistiche e studi sul mal di schiena. Questi ne riportavano un'origine meccanica e dovuta a sollevamenti ripetuti o postazioni di lavoro non ergonomiche. È stata quella la chiave che mi ha permesso di arrivare ai banchi di scuola, le postazioni di studio.

Quali sono i danni sul benessere fisico e mentale di una postura errata?

Sono diversi e dovuti sia alla seduta, che alla profondità di questa, che al tavolo. In generale possono esserci problemi di circolazione, perché qualche parte del corpo, come la coscia in una seduta alta, è troppo compressa. Poi, si può, ovviamente, incorrere in problemi legati alla schiena, dovuti a una generale mancanza di stabilità. In generale la mancanza di supporto lombare incidere sulla rettilineità della colonna lombare facendo perdere alla colonna lombare il 50% della propria resistenza e conseguente affaticamento dei muscoli per cercare l'equilibrio. Gioca un ruolo importante anche l'assenza o l'eccessiva imbottitura della seduta.

L'arredo scolastico non dovrebbe essere progettato in modo da essere ergonomico per gli alunni di ogni età?

L'arredo scolastico è regolamentato dalla normativa europea UNI 1729/1, che ha avuto il grande merito di aver posto l'attenzione sulla problematica dell'arredo rispetto ai dati antropometrici dei fruitori.

La norma prende in esame intervalli di statura per la determinazione dell'altezza del tavolo. Ma questo parametro non è adatto per la regolazione: alcune persone possono raggiungere quelle altezze standard, ma con comparti anatomici completamente diversi. Pensiamo a chi ha il busto lungo o corto, la gamba corta e la coscia lunga o viceversa.

Come sono studiati i banchi ergonomici per essere in grado di adattarsi a corpi in continua crescita?

Il tavolo deve poter essere regolato in alto-basso e deve avere il piano di lavoro inclinabile. L'altezza non deve essere determinata da quella del soggetto, ma deve essere tarata in modo tale da permettere al fruitore di avere un appoggio degli avambracci sul piano con un certo angolo.

La seduta, la parte più importante dell'arredo, deve avere la possibilità di: essere regolata in altezza e avere lo schienale convesso anteriormente nella parte centrale, con possibilità di movimento alto-basso al fine di supportare la concavità della lordosi lombare.

 @luca_calcagno

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)