recenti

L’Opus Dei: tra preghiere, cinghie rostrate e fruste
0

opus-dei-Redazione- Antonio Esquivias ha passato 30 anni nell’Opus Dei. Poi è uscito e ha deciso di raccontare la sua esperienza, i dolori sopportati, una “vita diversa” da quella che vive ora. Sì, perché dopo aver abbandonato l’organizzazione cattolica si è gettato su una sponda del tutto opposta: ha sposato una musulmana, lui (ex) cattolico integralista, e pure divorziata. “La verità – ha scritto in un articolo per Vice –è che non mi sarei mai immaginato una vita così diversa da quella che conducevo nell’Opus, di cui sono entrato a fare parte a 16 anni. E questo perché finché ci sei dentro ti identifichi in una vita in cui tutto è regolamentato, previsto e controllato“. Una vita controllata, regolare, contraddistinta dalle regole. Sveglia presto, poi i primi rituali che l’avrebbero accompagnato fino alla sera. “La prima offerta del giorno: baciare il pavimento e recitare “Serviam!”, che significa “Servirò,” rivolto sia a Dio che all’Opus Dei. La seconda azione era una doccia gelata come offerta al fondatore dell’Opus”. Poi la vita che conducono un po’ tutti gli ordini monastici: le preghiere, la messa, la colazione, lo studio, l’angelus, le letture spirituali e le preghiere pomeridiane. L’Opus lo aveva fatto iscrivere alla facoltà di Ingegneria Agraria e lì seguiva le sue lezioni. Poi le preghiere serali, tre Ave Maria della purezza e il letto. Per poi ricominciare il giorno successivo. Ciò che più di ogni altra cosa sta creando scompiglio del racconto di Antonio sono le “mortificazioni” corporali che venivano imposte “per controllare le necessità di base”. “Per venti secoli il corpo e le sue sensazioni con la sessualità e la capacità di provare piacere – spiega Antonio – hanno rappresentato il grande nemico del cristianesimo, e nell’Opus è tuttora così. L’obiettivo, puro e semplice, è desensibilizzare le necessità di base“. Due tipologie di mortificazioni: quelle “piccole” e quelle “corporali” . Le prime sono rinunce quotidiane che devono allontanare il piacere: “Per esempio – racconta – non zuccherare il caffè, non bere fino al secondo o non bere affatto durante i pasti. Così come non appoggiare la schiena allo schienale mentre si studia o si lavora”. Poi le mortificazioni corporali: “Per due ore al giorno bisognava fare il cilicio, una cinghia di metallo provvista di punte da utilizzare sulla coscia, e una volta a settimana si passava alla disciplina: una frusta di corda intrecciata per la schiena. In più, sempre una volta a settimana, i numerari uomini devono dormire per terra, e le donne, tutte le notti, su una tavola di legno“.  
Condividi:
#cilicio #cinghie #opus dei #preghiere #Punizioni
Attualità

Commenti su Facebook

Nessun commento per “L’Opus Dei: tra preghiere, cinghie rostrate e fruste”

Scrivi una replica

Dichiaro di aver letto ed approvato l'informativa sulla privacy.

N.B. I commenti volgari o che contengano insulti verranno automaticamente cestinati ed inseriti nello spam

L'Impronta
Associazione Nazionale di Amicizia Italia - Cuba
TasteTime
Articolotre TV
Articolotre Plus - AR?
Gli Anelli di Saturno
ArticoloTre TV

Di che cosa abbiamo parlato


Copyright © A3 Editrice srl - P.Iva 10847000014 - All Rights Reserved - Developed by Articolotre - Rel 2.31 - Accedi
Articolotre.com è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino N.29/2011 - N° ROC 23487
Le immagini e i video utilizzati o a cui si fa riferimento in questo sito sono e rimangono dei rispettivi autori ed editori.
Note legali - Informativa privacy - Cookie