Clicky

“I sei motivi per cui scegliere una donna dell’est”: è bufera su Rai1

“I sei motivi per cui scegliere una donna dell’est”: è bufera su Rai1

17361637_10155960531990760_8121829314576875647_nRedazione– “Sei buoni motivi per scegliere una ragazza dell’est”: questa la lista presentata durante la rubrica “Parliamone sabato”, condotta da Paola Perego su Rai1.

Nella puntata di due giorni fa, infatti, è stata presentata una grafica in sei punti che spiegherebbe come mai gli italiani preferirebbero le donne dell’est: una lista, questa, intrisa di sessismo e razzismo. “Sono tutte mamme, ma dopo aver partorito recuperano un fisico marmoreo. Sono sempre sexy, niente tute o pigiamoni. Perdonano il tradimento. Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa. Lasciano comandare l’uomo. Non frignano, non si appiccicano, non tengono il broncio”.

A fronte di ciò, com’era prevedibile, è scattata la polemica. E, in merito, è intervenuta anche la presidente Rai Monica Maggioni commentando: “Non ho visto la puntata, lo sto scoprendo dai siti. Quello che vedo è una rappresentazione surreale dell’Italia del 2017: se poi questo tipo di rappresentazione viene fatta sul servizio pubblico è un errore folle, inaccettabile”.

“Ogni giorno – ha sottolineato Maggioni – ci interroghiamo su quale immagine di donna veicoliamo, su come progredire, uscire dagli stereotipi. Poi accade un episodio come questo: il problema non è una battuta inconsapevole, ma la costruzione di una pagina su un tema del genere: è un’idea di donna che non può coesistere con il servizio pubblico”. “Per prima cosa mi scuso. Poi come azienda cercheremo di capire come è nata una pagina di questo tipo”.

Anche il direttore di Rai1, Andrea Fabiano, si scusa per quanto avvenuto: “Gli errori vanno riconosciuti sempre, senza se e senza ma. Chiedo scusa a tutti per quanto visto e sentito a #Parliamonesabato”, ha scritto su Twitter

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (1)
  • comment-avatar
    Eli 1 anno

    Con Maggioni e Campo Dall’Orto la RAI ha veramente toccato il fondo.
    E si vede!