recenti

Antrace Roma, confermato uno dei due casi sospetti
0

Antrace Roma, confermato uno dei due casi sospetti- Redazione - A dare la notizia è l'Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana; uno dei due casi sospetti di Antrace a Grottaferrata (Roma) è stato confermato in laboratorio. "Dal 19 agosto scorso in un allevamento di bovini da carne allo stato brado in località Molara, nel comune di Grottaferrata, sono stati segnalati al Servizio veterinario dell'Asl Roma 6 alcuni casi di mortalità. Il 25 agosto l’Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana a seguito di un sopralluogo congiunto con l’ASL Roma 6 diagnosticava la presenza dell’agente eziologico del Carbonchio ematico (Bacillus antracis) in 4 bovini deceduti nella stessa data ed appartenenti allo stesso allevamento. In totale dall’inizio della segnalazione risultano deceduti 13 bovini, su 4 dei quali è stata confermata la presenza dell’agente eziologico (antrace)." In virtù di questo è lo stesso Istituto Zooprofilattico ad annunciare la costituzione di una task force presso la Direzione Regionale Salute e politiche sociali. Infatti dopo la diagnosi, la Asl ha adottato tutte le misure previste per il contenimento del rischio di infezione, "disponendo, tramite ordinanza del Sindaco di Grottaferrata, lo spostamento della mandria dei bovini al pascolo in un altro sito dell’azienda agricola e vietando, per qualsiasi attività agricola o ludico sportiva, l’utilizzo".

Nessuna altra segnalazione di mortalità è stata notificata dopo il 25 agosto. Il Carbonchio ematico (C.E.) è tuttora presente sul territorio nazionale, specialmente nel Centro-Sud del Paese e sebbene i dati disponibili evidenzino una caduta nel numero dei casi anno per anno nelle diverse specie domestiche, tuttavia si assiste tuttora all'insorgenza di episodi sporadici. Nello stesso periodo i casi di carbonchio umano sono diventati rarissimi. Fa sapere l'Asl Roma 6, attraverso il suo sito, che poi spiega "La trasmissione all’uomo è dovuta solitamente al contatto diretto con animali infetti dal Carbonchio, così come è accaduto in questa situazione. Il caso confermato, infatti, si è verificato in un veterinario venuto a contatto accidentalmente con il sangue di uno degli animali morti nel focolaio, nel corso di un prelievo di campioni. Il professionista a seguito dell’insorgenza di una lesione cutanea su una mano si è recato presso l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani (INMI) dove è stato ricoverato, per il sospetto di carbonchio cutaneo poi confermato mediante indagini molecolari sulla crosta. Il paziente è stato già dimesso dall’INMI Spallanzani."

08/09/2017

Condividi:
#ANTRACE #bovini #contagio #grottaferrata #roma
Cronaca Cronaca nazionale Edizioni locali Roma

Commenti su Facebook

Nessun commento per “Antrace Roma, confermato uno dei due casi sospetti”

Scrivi una replica

Dichiaro di aver letto ed approvato l'informativa sulla privacy.

N.B. I commenti volgari o che contengano insulti verranno automaticamente cestinati ed inseriti nello spam

L'Impronta
TasteTime
Gli Anelli di Saturno
Articolotre TV
Associazione Nazionale di Amicizia Italia - Cuba
Articolotre Plus - AR?
ArticoloTre TV

Di che cosa abbiamo parlato


Copyright © A3 Editrice srl - P.Iva 10847000014 - All Rights Reserved - Developed by Articolotre - Rel 2.31 - Accedi
Articolotre.com è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino N.29/2011 - N° ROC 23487
Le immagini e i video utilizzati o a cui si fa riferimento in questo sito sono e rimangono dei rispettivi autori ed editori.
Note legali - Informativa privacy - Cookie