Clicky

Si tolse la vita un anno fa. Secondo la Procura potrebbe essere stato vittima di uno stupro di gruppo

Si tolse la vita un anno fa. Secondo la Procura potrebbe essere stato vittima di uno stupro di gruppo

-Redazione – Ci potrebbe essere uno stupro di gruppo tra le cause che hanno portato al suicidio un giovane pugliese. I fatti risalgono a ottobre del 2016, è stato allora che un 23enne di Alberobello, Davide Colucci, si è tolto la vita. Solo oggi però su quel tragico gesto si gettano altre ombre. A sospettare lo stupro ci sarebbero le indagini fatte dalla Procura di Bari per istigazione al suicidio emerse da un processo per stalking a carico del fratello della vittima che si è celebrato oggi.

L’imputato, il 30enne Angelo Colucci, è stato condannato con rito abbreviato a 1 anno e 8 mesi di reclusione per atti persecutori nei confronti dello zio. Il giovane condannato, attualmente agli arresti domiciliari per stalking, avrebbe infatti perseguitato e minacciato lo zio in quanto lo riteneva responsabile degli approfondimenti avviati dalla magistratura sulla morte del fratello che lo zio avrebbe invogliato a frequentare i rave e a fare uso di droghe. Il ragazzo si sarebbe tolto la vita impiccandosi per una depressione iniziata con la frequentazione di rave party e l’uso di droghe e a un presunto episodio di violenza sessuale di gruppo durante una di quelle feste.

13 settembre 2017

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)