recenti

Bari. Assenteisti strozzini: timbravano e facevano gli usurai
0

-Redazione- -Timbravano il cartellino e risultavano al lavoro, ma in realtà sfruttavano gli orari di servizio per svolgere la loro attività di usurai.

 Con le accuse di usura aggravata dallo stato di bisogno delle vittime, estorsione, falsità ideologica e truffa aggravata i carabinieri hanno eseguito tra Bari, Modugno e Santeramo in Colle 23 misure cautelari personali (7 arresti – 4 in carcere e 3 ai domiciliari - e 16 interdittive di sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio, di cui 2 a carico di arrestati), emesse dal gip del Tribunale di Bari, su richiesta della  locale Procura.

Due degli arrestati sono dipendenti della "Sanitaservice Asl BA - Azienda ospedaliera universitaria consorziale policlinico di Bari", società in house del Policlinico di Bari che svolge tra l’altro attività di portierato, pulizia dei locali, trasporto di pazienti, logistica integrata, gestione Centro Unico di Prenotazione (CUP) aziendale, piccola manutenzione ordinaria.

Le indagini dei carabinieri, avviate nel dicembre 2014 e concluse nel settembre 2016, hanno svelato con attività tecniche e dinamiche, testimonianze e acquisizione di prove documentali l’esistenza di una rete criminale di usurai ai danni di numerosi baresi versanti in condizioni di bisogno economico (tra i quali figurano alcuni artigiani e commercianti), con prestiti di denaro con tassi d’interesse notevolmente superiori a quello ufficiale.

Gli investigatori hanno documentato attraverso attività tecniche di intercettazione telefonica l’utilizzo da parte degli usurai e delle vittime di un vero e proprio linguaggio convenzionale, allorquando si faceva riferimento ai prestiti elargiti o da elargire. Proprio al fine di eludere eventuali intecettazioni da parte degli inquirenti, in tal senso, venivano usati termini criptici, il più delle volte privi di significato logico se intesi in senso letterale. Gli importi venivano indicati con termini quali “tre per otto” ad indicare l’importo della rata mensile e la durata prevista per l’estinzione, ovvero in questo caso specifico il mese; la “stipula” del prestito veniva indicata con i termini “servizio, pratica o prenotazione”; per indicare la somma di denaro da consegnare in prestito, gli indagati si avvalevano di termini quali “documenti, fotocopie”.

Nel caso di debiti insoluti, gli usurai ricorrevano a minacce esplicite di gravi ripercussioni e ritorsioni contro le vittime. Sono state sequestrate ingenti somme di denaro e documenti che attestano la contabilità degli usurai: sui fogli manoscritti sono stati trovati nomi, cifre e mesi che indicavano appunto le generalità delle vittime, l’importo della rata ed i mesi in cui è stata pagata la somma di denaro o il lasso di tempo che mancava all’estinzione del prestito. 

12 ottobre 2017

Condividi:
#assenteisti #Bari #minacce #strozzini #usurai
Cronaca Cronaca nazionale

Commenti su Facebook

Nessun commento per “Bari. Assenteisti strozzini: timbravano e facevano gli usurai”

Scrivi una replica

Dichiaro di aver letto ed approvato l'informativa sulla privacy.

N.B. I commenti volgari o che contengano insulti verranno automaticamente cestinati ed inseriti nello spam

Gli Anelli di Saturno
Articolotre TV
L'Impronta
TasteTime
Articolotre Plus - AR?
Associazione Nazionale di Amicizia Italia - Cuba
ArticoloTre TV

Di che cosa abbiamo parlato


Copyright © A3 Editrice srl - P.Iva 10847000014 - All Rights Reserved - Developed by Articolotre - Rel 2.31 - Accedi
Articolotre.com è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino N.29/2011 - N° ROC 23487
Le immagini e i video utilizzati o a cui si fa riferimento in questo sito sono e rimangono dei rispettivi autori ed editori.
Note legali - Informativa privacy - Cookie