Clicky

Cinema a tematica glbt sotto la Mole

Cinema a tematica glbt sotto la Mole

L’edizione 2018 di Lovers

-Elena Romanello – Dal 20 al 24 aprile torna a Torino Lovers Film Festival, l’evento cinematografico dedicato al cinema a tematica LGBTQI giunto alla trentatreesima edizione, nato in originale come Da Sodoma a Hollywood.

Nei cinque giorni della kermesse verranno proiettati ottantun titoli, di cui sei in anteprima mondiale, quattro in anteprima europea, cinquantadue novità per l’Italia, provenienti da ventiquattro Paesi diversi, dal Regno Unito a Israele, dalla Francia all’Italia, dal Brasile all’Australia, dagli Stati Uniti alle Filippine, dal Canada alla Finlandia, dalla Germania alla Tailandia.

Si parte con un intervendo di Pif e di Pino Strabioli che introdurranno il primo film, Postcards from London, di Steve McLean, storia di un ragazzo di provincia che giunge nella capitale britannica trovando forse più di quello che sperava, e forse troppo. Si chiude con una conversazione di nuovo tra Pino Strabioli e Valeria Golino, madrina del festival, e con Thelma del norvegese Joachim Trier, prossimo presidente della Settimana della Critica a Cannes, storia di amori al femminile in salsa paranormale.

Tra i film in programma, ci sono titoli come Montana, amori tra donne di mezz’età che scoprono nuove vite, Eastern Boys, bande di ragazzi dei Paesi dell’Est che si contendono territorio e non solo nelle periferie francesi, Essere divina, documentario sull’unica scuola per drag queen a Milano diretto da Luca Pellegrini, My days of mercy con l’attrice lesbica Ellen Page in una storia che parla di diritti civili e pena capitale, Venus, ricerca di identità di genere di un ragazzo di una famiglia indiana tradizionalista immigrata in Canada, Dear Fredy, su una delle tante vittime omosessuali della Shoah, Queerama, documenti sull’omosessualità in Gran Bretagna, dove era reato fino ai permissivi anni Sessanta e il film perfomance McKellen: playing the part, dove il grande attore Ian Mc Kellen, interprete di tante pellicole, racconta la sua arte e la sua vita di attivista omosessuale.

Ci sarà spazio anche per la musica, con interventi di Immanuel Casto, il contest Music Riot, il documentario The real queen of disco e Nina Zilli, con il suo impegno contro la violenza sulle donne.

La scelta del 20 aprile come data di inizio vuole inoltre essere un omaggio al poliziotto francese Xavier Dugelé, vittima di un attentato sugli Champs Elysées a Parigi il 20 aprile dell’anno scorso e attivista omosessuale.
Il programma completo della manifestazione e gli eventi collaterali, anche a ingresso gratuito, sono disponibili nel sito ufficiale di Lovers.

 

 

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)