Clicky

Roma. 21enne gay pestato dal branco

Roma. 21enne gay pestato dal branco

-Redazione- Preso di mira dal branco, seguito, minacciato, poi picchiato, rapinato e di nuovo minacciato con un coltello, senza che nessuno intervenga in suo aiuto.

Il tutto in pieno pomeriggio e in centro città, a pochi passi dalla Stazione di Roma Tiburtina. A denunciare quella che viene definita l'”ennesima aggressione omofoba” è il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, che riferisce come la vittima sia un attivista gay 21enne, che lo scorso 5 aprile rientrava dal suo primo giorno di lavoro.

A quanto riferito dalla vittima, ad aggredirlo sarebbero stati quattro ragazzi “con la testa rasata e i bomber neri“.

A soccorrere il 21enne è stata invece una guardia giurata, che ha chiamato l’ambulanza. Portato all’ospedale Vannini per verificare le ecchimosi sul viso e il corpo dolorante per le botte prese, il giovane è stato dimesso con cinque giorni di prognosi. Appena uscito dall’ospedale il ragazzo ha sporto denuncia al commissariato di Porta Maggiore, al quale sono affidate le indagini. Sono ora al vaglio degli investigatori i filmati delle telecamere di sorveglianza che avrebbero ripreso l’aggressione.

“Il Circolo Mario Mieli esprime la totale e incondizionata solidarietà a Federico, attivista della Roboterie – Nostri i corpi nostre le città. Rimaniamo veramente costernati alla notizia dell’ennesima aggressione subita a Roma. Siamo anche però felici che Federico abbia deciso di denunciare i suoi aggressori. La sua testimonianza, resa alle autorità competenti, delinea una chiara aggressione omofoba. Il branco violento ha agito sì per derubare ma soprattutto per offendere, minacciare e poi colpire con violenza” spiega Sebastiano F. Secci, Presidente del Circolo Mario Meli che si è subito offerto per dare assistenza alla vittima.

“Non possiamo in alcun modo abbassare la guardia, le aggressioni a chiara matrice omofoba stanno aumentando in questi ultimi tempi. E’ urgente che i media, le associazioni e il mondo civile non sottovalutino queste violenze e chi è preposto alla sicurezza dei cittadini e delle cittadine sia vigile e faccia in modo di perseguire con durezza gli assalitori”, aggiunge.

“E non deve nemmeno passare in alcun modo l’idea che atti di questo tipo in fondo possano essere tollerati o ancor peggio rientrino nella normalità di una città grande e tentacolare come Roma. Noi non ci stiamo! Per quanto ci riguarda è fondamentale l’intervento politico sulla questione: è urgente una legge contro l’omo-transfobia”, conclude Secci.

 

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)